Il corpo vuoto, lo Zen nelle arti - con Pasquale Esposito

10 -11 Febbraio @ SpazioCorpo

Obiettivi:

I tre incontri sono integrati e si completano a vicenda, ma possono essere frequentati singolarmente, fare l’esperienza di tutti e tre gli incontri avrà però un significato esperienziale diverso.

Ciò che accomuna i tre i percorsi é:

  • un lavoro ontologico, ovvero riguardante l'essere;
  • un lavoro sul movimento, l'azione, il gesto espressivo naturale, autentico, originale secondo il punto di vista dell'educazione Zen.

Vedremo infatti cosa significhi naturale, autentico ed originale secondo lo Zen e come questo lavoro sia diretto a chiunque voglia trovare autenticità e originalità nella propria vita.

1° INCONTRO - 10 Febbraio - Sabato - dalle ore 10.30 alle 12.00 - Ore: 1.30 - 45 €

Temi:

  1. Introduzione all'educazione Zen e rapporto con le arti.
  2. Introduzione alla meditazione Zazen e al principio di movimento ed azione senza intenzione.
  3. Esplorazione dell'affermazione: non fare un'azione ma lascia che emerga da sola.
  4. Nel breve tempo a disposizione Pasquale esporrà i principi creativi ed i partecipanti faranno una breve esperienza pratica.

2° INCONTRO - 10 Febbraio - Sabato - dalle ore 16.30 alle 19.00 - Ore: 2.30 - 60 €

Temi:

  1. Approfondimento sul movimento, sull’ azione autentica che emerge da uno spazio vuoto.
  2. Maggior partecipazione fisica e di contatto con gli altri partecipanti, esploreremo fisicamente la differenza tra un gesto espressivo naturale ed uno meccanico.
  3. Visione video.

3° INCONTRO - 11 Febbraio - Domenica - dalle ore 14.30 alle 18.00 - Ore: 3.30 - 80 €

Temi:

  1. Maggior tempo per esplorare il nuovo approccio al movimento, all’’azione autentica che emerge da uno spazio vuoto, il corpo vuoto.
  2. Come essere responsabilmente creativi.
  3. Come scoprire la libertà da se stessi, lavorando su di sé.
  4. Esercizi individuali e di coppia sul tema: l’ urgenza di non fare.
  5. Visione video.

Addentriamoci quindi nell’azione autentica e vitale che emerge dallo spazio vuoto. Ricerchiamo autenticità nel gesto fisico e verbale, partendo dal “non so”, dalla volontà del vuoto.

Esponiti ad un incontro autentico, ad un’esperienza diretta: dallo spogliamento del SÉ nasce il processo creativo, ed è qui, nel SÉ , che realtà e finzione si confondono.

Ecco che Zen e recitazione hanno lo stesso intento di ricercare la verità, di rivelare l'origine e la realtà ultima del Sé.

Per chi non conosce lo Zen, è bene sapere che non è per credenti, piuttosto per pionieri, artisti, educatori e chiunque abbia la passione di non fermarsi a quello che sa, piuttosto di azzardare a mettere un piede là dove non esiste un sentiero.

Si tratta di un lavoro ontologico, che riguarda la natura e la conoscenza dell'essere. Nell’educazione Zen “essere” non è un concetto astratto, piuttosto implica essere in rapporto, implica la natura dell’altro, l’alterità.

Pasquale Esposito è un attore e lavora professionalmente nella Film Industry in Italia e all’estero. Ha cominciato a viaggiare presto e dopo aver vissuto qualche anno a Los Angeles, ora vive al nord della Germania (Hamburg) con la sua famiglia, dove ha fondato la “Research Company Art and Awareness”. Essere un attore è stato un invito alla ricerca su espressione e comunicazione che poi ha approfondito con la sua pratica e scelta di seguire l’educazione Zen (soto) prendendo le ordinazioni nel 2001 al Tempio Fudenji. Approfondisce i suoi studi e la pratica Zen viaggiando in diversi dojo in Europa e negli Stati Uniti. Parte importante della sua educazione è stato seguire l'insegnamento di Gurdjieff a Los Angeles, Londra e Roma. Come attore si è formato con insegnanti americani come S. Batson, F. De Sapio, S. G. Seacat e poi ha studiato, collaborato e insegnato per D. De Fazio a Roma. Germania e Los Angeles. Oggi partecipa a symposium in UK portando mindfulness nelle performing arts.

È stato produttore e regista di un documentario “In the right light” a favore dei diritti delle donne nel mondo e ora è impegnato con la sua Compagnia al suo nuovo progetto su Fernando Pessoa che farà a Manchester, Londra e Berlino. Esposito è parte del cast della terza stagione della serie televisiva internazionale “Gomorra” prodotta da Cattleya e Sky. Sta ultimando di scrivere il suo libro “Something from nothing” e si diverte a praticare la boxe a livello amatoriale per tenersi sveglio!

Riepilogo Costi:

1° incontro - 10 Febbraio - Sabato - dalle ore 10.30 alle 12.00 - Ore: 1.30 - 45

2° incontro - 10 Febbraio - Sabato - dalle ore 16.30 alle 19.00 - Ore: 2.30 - 60

3° incontro - 11 Febbraio - Domenica - dalle ore 14.30 alle 18.00 - Ore: 3.30 - 80

Possibilità di partecipazione ad uno o più incontri previa preiscrizione del costo della metà dell’ importo totale. Sconto del 20% su partecipazione ai tre incontri. Le quote di preiscrizione vanno versate entro il 7 febbraio presso Atelier SpazioCorpo, via Poscolle, 51- 1 piano Udine. T. 348 3800308

Se vuoi sapere di più visita:

→ www.artandawareness.net
→ www.pasquale-esposito.com

→ scarica PDF

Segni Contemporanei 2017

Segni Contemporanei 2016
→ SC 2016 video → foto

Volantino 2015
→ Volantino '15

Danza del ventre
→ Danza Orientale

Volantino 2015
→SC 2015 video →info

Volantino 2014
→ Volantino '14

Tendimi le mani
Tendimi le mani e stringiti a me
→ foto

Segni Contemporanei 2014
→ Locandina SC 2014

Segni Contemporanei 2013
→ Volantino '13

spot
→ CineSpot SpazioCorpo

→ 1 giugno 2013
Segni Contemporanei
poster
video|poster

→ 9 marzo 2013
Agrapha Dogmata - Trieste
flyer
video|volantino fronte|retro

foto
ImmaginArte Clauiano (foto)

→ 12 giugno 2012
Segni Contemporanei
flyer
video
Foto (Paolo dall'Aglio)

© SpazioCorpo
Atelier Danza e Movimento
(marchio depositato)

v. Poscolle 51 Udine
info@spaziocorpomail.net